ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Si apre il fronte Nord con i razzi lanciati dal Libano su Israele

Lettura in corso:

Si apre il fronte Nord con i razzi lanciati dal Libano su Israele

Dimensioni di testo Aa Aa

Il rischio di un allargamento del conflitto mediorientale si è fatto più concreto questa mattina con il lancio di diversi razzi dal Libano verso il nord d’Israele.

Gli ordigni hanno colpito una casa di riposo di Nahariyha ferendo leggermente due israeliani. L’artiglieria israeliana ha risposto prontamente al fuoco sparando verso il punto di origine dei razzi presso Tayr Harfa, a circa sette chilometri da Naqura. Il governo libanese ha condannato il lancio di razzi, mentre Hezbollah ha negato di esserne l’autore. In Israele, infatti, si ritiene che a sparare i razzi sia stato un gruppo palestinese con il consenso, però, degli Hezbollah. “Ho sentito che qualcosa aveva colpito l’ospedale – dice un’infermiera – Qualche muro è crollato e dei vetri si sono infranti. È scoppiato un violento incendio”. L’Unifil, la forza d’interposizione delle Nazioni Unite presente nel sud del Libano, è stata messa in stato dall’allerta. Forte di quasi 13 mila uomini con un grosso contigente italiano l’Unifil ha intensificato i pattugliamenti nella sua area di operazioni in cooperazione con l’esercito libanese per prevenire ulteriori incidenti. Il premier israeliano Ehud Olmert aveva detto, sabato scorso, che i riservisti richiamati dall’esercito erano pronti a intervenire, in caso di necessità, anche contro eventuali attacchi dal Libano.