ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spola diplomatica per porre fine alla guerra del gas

Lettura in corso:

Spola diplomatica per porre fine alla guerra del gas

Spola diplomatica per porre fine alla guerra del gas
Dimensioni di testo Aa Aa

L’ondata di freddo fa temere un’impennata nei consumi di gas e la diplomazia europea si dà da fare per risolvere la disputa tra Russia e Ucraina.

Una delegazione guidata dalla presidenza ceca dell’Unione è volata a Kiev per discutere con le autorità ucraine e oggi in programma c‘è anche un incontro con i vertici di Gazprom. Il gigante russo ha ricevuto ordine dal premier Vladimir Putin di tagliare di un sesto il gas russo che i clienti europei ricevono attraverso l’Ucraina. Ossia la quantità che Mosca sostiene sia stata rubata da Kiev per i propri approvvigionamenti. Mentre Gazprom rassicura Bruxelles che le quantità mancanti transiteranno per altre vie, ad esempio Bielorussia, alcuni Paesi dell’Est e del Sud Europa stanno già accusando irregolarità. Dalla Commissione europea tranquillizzano: nonostante alcuni sbalzi nel flusso di gas, per ora non esiste un pericolo immediato. Ma la prudenza è d’obbligo e con i vertici di Gazprom, oggi, si discuterà di questa guerra del gas che ha vissuto il suo ultimo capitolo il primo gennaio, quando l’Ucraina si è vista chiudere i rubinetti di gas russo. Stretta nella morsa del gelo, l’Europa attende anche la riunione di venerdì a Bruxelles del gruppo di esperti europei del settore. Invitate anche Gazprom e Naftogas, che ancora, però, devono confermare.