ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Obama già al lavoro per combattere la crisi

Lettura in corso:

Obama già al lavoro per combattere la crisi

Dimensioni di testo Aa Aa

L’economia americana va di male in peggio, per questo occorre fare presto. Barack Obama non aspetta di entrare ufficialmente in carica, il 20 gennaio.

Appena il tempo di arrivare a Washington e il Presidente-eletto ha già incontrato i rappresentanti del Congresso per parlare della crisi, con la speranza di varare al più presto un piano da quasi 800 miliardi di dollari. “L’economia va male, la situazione sta peggiorando”, ha detto Obama. “La scorsa settimana ci è stato detto che il settore manufatturiero è ai minimi da 20 anni. Venerdì avremo i risultati finali del rapporto sull’occupazione e tutto sembra indicare che il numero di posti di lavoro andati in fumo nel 2008 sarà il più alto dalla Seconda Guerra mondiale”. Al contempo, Obama colma le caselle ancora mancanti della sua amministrazione. Leon Panetta, italo-americano, ex capo di Gabinetto di Bill Clinton è stato scelto come capo della Cia. Se confermato dal Senato, erediterà una squadra in forte crisi e al centro di pesanti controversie durante l’amministrazione Bush. A partire dalle falle dell’intelligence sull’11 settembre, sull’Iraq, oltre alle critiche ricevute a proposito di metodi poco ortodossi durante gli interrogatori ai presunti membri di al Qaeda. Ma il nome di Panetta, 70 anni, ha già suscitato critiche di illustri esponenti del Congresso, che non gradiscono la sua scarsa competenza nel settore dei servizi segreti.