ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gaza attende il settimo giorno di raid, imminente l'operazione via terra

Lettura in corso:

Gaza attende il settimo giorno di raid, imminente l'operazione via terra

Gaza attende il settimo giorno di raid, imminente l'operazione via terra
Dimensioni di testo Aa Aa

E’ passata quasi una settimana dall’inizio dell’offensiva israeliana a Gaza, che ha causato oltre 400 morti e quasi 2.000 feriti. Il territorio occupato attende oggi il settimo giorno di bombardamenti, dopo i duri attacchi di ieri. In uno di questi è rimasto ucciso Nizar Rayan, considerato uno dei cinque principali leader di Hamas a Gaza. Nel raid, che ha preso di mira la sua casa nel campo profughi di Jebaliya, sono morte altre 12 persone, tra cui due delle quattro mogli di Rayan e quattro dei suoi 12 figli.

Circa 400 stranieri che si trovano a Gaza sono stati autorizzati a lasciare la Striscia. La decisione potrebbe significare l’operazione terrestre è imminente. I carriarmati rimangono schierati al confine con la Striscia. Il premier israeliano Ehud Olmert ha dichiarato che non è, comunque, nel loro interesse condurre una guerra lunga e che non intendono allargare il fronte della battaglia. In un incontro a Parigi, il presidente francese Nicolas Sarkozy non è riuscito a convincere il ministro degli Esteri israeliano ad accettare il cessate il fuoco. Tzipi Livni ha detto che non c’è bisogno di una tregua umanitaria. Intanto a Gerusalemme est la polizia israeliana è in stato di allerta. Oggi si svolge la “giornata della collera” proclamata da Hamas, che ha invitato la popolazione palestinese alla mobilitazione dopo le preghiere del venerdì.