ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gaza, ucciso in un raid un dirigente dell'ala più radicale di Hamas

Lettura in corso:

Gaza, ucciso in un raid un dirigente dell'ala più radicale di Hamas

Dimensioni di testo Aa Aa

Uno dei principali dirigenti di Hamas nella Striscia di Gaza è stato ucciso nel corso di un’operazione mirata dell’aviazione israeliana.

L’abitazione in cui si trovava Nizar Rayan, esponente dell’ala più radicale del partito islamico, è stata competamente distrutta dai missili lanciati da due F16, che hanno provocato la morte anche delle sue quattro mogli e di due delle sue figlie. Cinquantun anni, noto per i suoi accesi discorsi politici contro lo stato ebraico, Rayan auspicava ogni mezzo di lotta contro Israele, compresi gli attentati suicidi. Era anche un critico feroce del presidente palestinese Mahmoud Abbas. Il raid contro la sua abitazione, a Jabalia, è costato la vita a una decina di persone, mentre altre quindici sono rimaste ferite. Il corpo di Rayan è stato scaraventato in strada dalla forza dell’esplosione. Distrutti e danneggiati anche una ventina di altri edifici del quartiere. Il bilancio di sei giorni di bombardamenti sulla Striscia di Gaza è di 400 palestinesi morti e circa 1.600 feriti. Israele ha continuato per tutta la giornata a colpire Gaza, sia attraverso i raid aerei che attraverso le navi della marina militare, ormeggiate al largo della costa.