ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Israele possibilista sulla tregua, Hamas scettico

Lettura in corso:

Israele possibilista sulla tregua, Hamas scettico

Dimensioni di testo Aa Aa

Israele sta prendendo in considerazione la proposta di una tregua di 48 ore. Un vertice col premier Olmert si è svolto nella notte, ma ancora nulla è stato annunciato. Gli attacchi comunque continuano e ieri i caccia israeliani hanno di nuovo bombardato gli uffici del primo ministro Haniyeh.

Chi è invece scettico sull’ipotesi del cessate il fuoco è Hamas. Il portavoce della formazione estremista che governa Gaza ha detto: “Prendere in considerazione una tregua in queste circostanze è come mettere sullo stesso piano la vittima e il boia. Quello che ci vuole ora è invece un’azione dei Paesi arabi e musulmani che ponga fine all’aggressione, riapra le frontiere e avvii la ricostruzione”. Mentre Gaza piange i suoi morti, un bilancio complessivo delle vittime viene da fonti sanitarie palestinesi, che parlano di oltre 380 morti e 1.700 feriti. La situazione umanitaria è grave, in un territorio dove l’80 per cento della popolazione dipende dagli aiuti internazionali. Le condizioni degli ospedali sono ulteriormente peggiorate e cominciano a scarseggiare anche i generi di prima necessità. Dappertutto, nella Striscia, si allungano le file per acquistare il pane.