ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Situazione umanitaria drammatica

Lettura in corso:

Situazione umanitaria drammatica

Dimensioni di testo Aa Aa

La situazione umanitaria nella Striscia di Gaza resta drammatica.

Le Ong che operano sul posto chiedono la fine immediata delle ostilità e invitano Israele a garantire l’approvvigionamento in carburante e forniture mediche indispensabili per salvare vite umane. Centinaia i civili morti sotto i bombardamenti aerei, tra gli altri anche 2 sorelline di 4 e 11 anni, ai cui funerali stamani a Beit Hanoun ha partecipato una folla commossa ma carica di rabbia. Malgrado l’arrivo di primi convigli carichi di generi di prima necessità, il pane non è sicuro. In coda per ora, queste donne sperano di tornare a casa con qualcosa per sfamare i propri figli. Israele ha concesso l’ingresso attraverso il valico di Rafah a 100 convogli di aiuti umanitari. Sempre attraverso Rafah è giunto a Gaza un generatore e medicinali donati dalla Libia. Aperto nelle ultime ore anche il posto di frontiera tra Israele e Gaza di Kerem Shalom. Via mare, il tentativo di un’imbarcazione di pacifisti di aggirare il blocco attorno alla Striscia è stato bloccato da una motovedetta della marina israeliana. Dopo alcuni colpi di avvertimento, l’imbarcazione è stata speronata. Non ci sono state vittime.