ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Quarto giorno di offensiva: sale il bilancio delle vittime

Lettura in corso:

Quarto giorno di offensiva: sale il bilancio delle vittime

Dimensioni di testo Aa Aa

Da Nord a Sud, nella Striscia di Gaza, il ritmo della notte è stato scandito dai bombardamenti dell’esercito israeliano. Mentre tutto fa pensare a un imminente attacco terrestre da parte dello Stato ebraico, l’operazione “Piombo fuso” lascia sul terreno distruzione e macerie. Al quarto giorno dell’offensiva di Tsahal contro Hamas, il bilancio delle vittime si aggrava, e comprende non solo miliziani, ma anche civili, tra cui diversi bambini. Il numero dei morti si aggira intorno a quota 360. Secondo alcune stime, i feriti sarebbero circa 1700 e gli ospedali sono al collasso.

L’obiettivo dei raid aerei restano gli edifici governativi e dei servizi di sicurezza dei radicali islamici. Nel corso delle operazioni sono stati colpiti anche un centro sportivo e alcuni campi di addestramento di Hamas. La protesta è scesa nelle piazze, contro quella che Israele ha definito una “guerra totale” agli estremisti che da giugno 2007 controllano Gaza. La cintura che circonda la Striscia è stata dichiarata “zona militare chiusa” e i giornalisti sono stati allontanati. Anche questo, insieme al richiamo di migliaia di riservisti e allo schieramento dei carrarmati al confine, fa presagire un imminente attacco di terra. A un giorno dalla fine della Presidenza di turno europea, la Francia ospita oggi a Parigi una riunione dei ministri degli Esteri dei Ventisette per cercare una via d’uscita.