ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Van Rompuy: il premier che "ispira fiducia"

Lettura in corso:

Van Rompuy: il premier che "ispira fiducia"

Dimensioni di testo Aa Aa

Superare la terza crisi politica in un anno e traghettare il Belgio oltre la recessione. Con queste priorità Herman Van Rompuy, già presidente della camera, è stato nominato primo ministro ieri da re Alberto II.

Pochi minuti per accettare un’incarico piu’ volte rifiutato. Alla fine hanno avuto la meglio le pressioni anche interne al partito dei cristiano democratici fiamminghi, ansiosi di recuperare credibilità dopo le dimissioni del premier Yves Leterme. Van Rompuy, 61 anni, ha ricoperto con successo l’incarico di ministro delle finanze negli anni novanta. Figura stimata dal re è considerato un francofilo moderato, capace di comporre il dissenso nella delicata questione linguistica che oppone fiamminghi e francofoni. Ora dovrà formare un nuovo governo, anche se i cinque partiti della coalizione uscente sono d’ accordo per non modificare gli equilibri esistenti. Dopo dieci giorni di fitte consultazioni la missione è compiuta per Wilfried Martens: il “saggio” che doveva individuare un nuovo premier in grado di “ispirare fiducia”.