ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Decine di vittime civili nell'operazione "piombo fuso"

Lettura in corso:

Decine di vittime civili nell'operazione "piombo fuso"

Dimensioni di testo Aa Aa

“Nessun edificio di Hamas resterà in piedi nella Striscia di Gaza”. Le parole del capo di Stato maggiore aggiunto israeliano Dan Harel danno la misura dell’operazione dell’aviazione dello Stato ebraico. Il ministero dell’Interno del governo di Hamas è stato uno dei bersagli dei raid aerei. L’edificio era stato evacuato prima dell’attacco.

L’obiettivo secondo l’esercito israeliano non sono solo i terroristi e coloro che lanciano razzi kassam, ma l’intero governo Hamas che un anno e mezzo fa ha preso il controllo della Striscia di Gaza e il 19 dicembre ha bocciato il rinnovo della tregua siglata sei mesi fa. Le vittime delle operazioni israeliane sono in gran parte attivisti del movimento radicale islamico e di gruppi vicini, ma secondo l’Onu tra i morti ci sono una sessantina di civili. Tra questi alcuni bambini, uccisi in vari attacchi, come a Jabalia nel nord della Striscia di Gaza dove in centinaia sono scesi in strada per partecipare ai funerali di cinque ragazzine della stessa famiglia. Anche a Rafah il dolore per la morte di due bambini. “E’ solo l’inizio della battaglia”, secondo l’esercito israeliano, che ammassa tank lungo la frontiera in vista di una possibile operazione terrestre.