ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Medio Oriente, Israele richiama i riservisti e si prepara alla guerra con Hamas

Lettura in corso:

Medio Oriente, Israele richiama i riservisti e si prepara alla guerra con Hamas

Dimensioni di testo Aa Aa

La comunità internazionale lancia appelli per il cessate il fuoco, ma Israele prepara la guerra. Dopo aver sferrato l’attacco aereo, il ministro della difesa Ehud Barak non ha escluso la possibilità di un’operazione di terra contro Hamas. I carri armati prendono posizione alla frontiera con Gaza. L’esercito è in allerta. Il governo ha richiamato 6.500 riservisti. L’operazione “piombo fuso”, scattata sabato alle 9,30 del mattino ora locale, le 10,30 in Italia, è soltanto all’inizio. “Israele – ha dichiarato il premier Ehud Olmert – ha dato il via a un’operazione militare su Gaza per ristabilire la normalità nel sud del Paese che da anni subisce continui lanci di razzi. La popolazione vive quotidianamente il terrore che impedisce di avere una vita normale, cosa che ogni cittadino ha il diritto di avere”.

Dopo la fine della tregua, durata sei mesi e non rinnovata da Hamas il 19 dicembre, da Gaza il lancio di razzi artigianali nei villaggi israeliani del Negev è stato continuo. In una settimana sono piovuti oltre 200 ordigni, tra kassam e mortai. Ashkelon è uno dei villaggi più colpiti. A Netivot un civile è stato ucciso. E per la prima volta un razzo ha raggiunto Gan Yavné, a oltre 30 chilometri da Gaza.