ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il Pakistan ricorda Benazir Bhutto, uccisa un anno fa in un attentato

Lettura in corso:

Il Pakistan ricorda Benazir Bhutto, uccisa un anno fa in un attentato

Dimensioni di testo Aa Aa

Un anno fa moriva, assassinata, Benazir Bhutto. Oltre 150 mila pachistani si sono recati al mausoleo di famiglia, a Garhi Khuda Bakhsh, nel sud del Paese, dove è sepolta la ex primo ministro e leader del Partito del Popolo per commemorarne il primo anniversario della morte. Già dalle prime ore del mattino la folla si è accalcata ai posti di controllo per accedere alla tomba.

Parenti e amici hanno osservato un minuto di silenzio nel momento esatto dell’attacco alla Bhutto. La cerimonia di commemorazione è stata presieduta da un figlio della Bhutto, Bilawal, e dal vedovo, l’attuale presidente del Pakistan Asif Ali Zardari. “Abbiamo perduto la nostra gente – ha dichiarato Ali Zardari – . Abbiamo perduto noi stessi. Ma nonostante questo, non siamo qui a parlare di guerra o di vendetta. Sarà la storia a renderci giustizia”. Dopo otto anni trascorsi in esilio volontario tra Dubai e Londra, Bhutto era rientrata in Pakistan nell’ottobre del 2007 per partecipare alle elezioni politiche. Il suo ritorno in patria fu subito funestato da un attentato a Karachi che fece 138 vittime. Quel giorno rimase illesa. Morirà in un attentato due mesi dopo a Rawalpindi, a 54 anni, mentre faceva campagna elettorale. Era stata la prima donna eletta democraticamente a guidare un Paese musulmano.