ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Crisi russo-georgiana, Mosca era pronta alla guerra con Tbilisi

Lettura in corso:

Crisi russo-georgiana, Mosca era pronta alla guerra con Tbilisi

Dimensioni di testo Aa Aa

Mosca era pronta alla guerra con la Georgia ben prima di agosto. Lo ha dichiarato il presidente russo Dmitri Medviedev, nel corso di un’intervista accordata a tre emittenti locali.

La guerra scoppiò nella notte tra il 7 e l’8 agosto, quando Tbilisi tentò di riprendere il controllo sulla sua secessionista Ossezia del sud, innescando la dura reazione della Russia. “Le autorità georgiane hanno scatenato una guerra sanguinosa contro i loro vicini. Ricordo il giorno in cui scoppiò la guerra, per me fu un momento difficile, ma penso che non avremmo potuto agire diversamente, e quello che è seguito dimostra che abbiamo avuto ragione”. Dalla crisi con la Georgia alla crisi economica. Nel tracciare il bilancio di fine anno, il presidente Medvedev si è detto favorevole a un cambio più flessibile del rublo, evitando però di commentare la notizia secondo cui i conti pubblici scivoleranno in rosso nel 2009, per la prima volta da dieci anni a questa parte, a causa del calo del petrolio. Un brutto colpo per la Russia, dove l’impatto sociale della crisi ha già iniziato a farsi sentire, con un aumento della disoccupazione e della criminalità.