ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Guinea, i golpisti denunciano infiltrazioni di mercenari

Lettura in corso:

Guinea, i golpisti denunciano infiltrazioni di mercenari

Dimensioni di testo Aa Aa

La Guinea rischia di precipitare in una guerra tra militari per il controllo del paese. La giunta che ieri ha sospeso la costituzione e destituito il governo ha infatti denunciato infiltrazioni di mercenari sostenuti da una parte dell’esercito.

Il portavoce dei militari golpisti ha accusato alcuni generali fedeli al defunto presidente Conté di preparare l’intervento di mercenari, che si troverebbero già nel paese. Nel comunicato, letto alla radio nazionale, la giunta ha anche detto di voler organizzare elezioni libere e trasparenti entro la fine del 2010. Ma il presidente del parlamento guineano ha lanciato un appello alla comunità internazionale perché impedisca ai golpisti di avere successo. La situazione resta quindi confusa, anche se per il momento non si segnalano violenze, né nella capitale Conakry né nel resto del paese. Anche l’ex presidente Lansana Conté, deceduto ieri all’età di 74 anni, era salito al potere nell’84 con un colpo di stato incruento, dopo la morte del suo predecessore. Conté ha governato la Guinea per 24 anni, prima come generale golpista, poi con i crismi dell’investitura democratica, ma sempre in modo autoritario e repressivo.