ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A Mosca i Paesi esportatori di gas si riuniscono

Lettura in corso:

A Mosca i Paesi esportatori di gas si riuniscono

Dimensioni di testo Aa Aa

I Paesi consumatori gridano già al cartello del gas, ma Mosca rassicura. In piena crisi con l’Ucraina, la Russia ospita oggi il forum dei Paesi esportatori. Lo scopo: definire una politica comune di fronte a calo del prezzo del petrolio e crisi mondiale. Al tavolo ci saranno una quindicina di Paesi, a partire da Iran, Qatar e Venezuela. Ai timori espressi dalla comunità internazionale, il Cremlino risponde però che si tratta solo di scambio di idee e che l’obiettivo non è quello di creare un’organizzazione sul modello Opec.

Secondo alcuni analisti, la creazione di un cartello potrebbe essere un vantaggio per Mosca, perché sarebbe proprio lei a guidarlo. Il contesto della riunione odierna è quello del braccio di ferro tra Gazprom e Kiev per via dei debiti contratti dall’Ucraina, oltre due miliardi di dollari. Gazprom non ha escluso possibili perturbazioni sulle forniture all’Europa, che guarda con attenzione. L’ottanta per cento del gas russo transita dall’Ucraina verso l’Europa. Altro Paese chiave per il transito è la Bielorussia. A Mosca, il presidente bielorusso Alexander Lukashenko e il presidente russo Dmitri Medvedev hanno concluso un accordo per le forniture di gas russo nel 2009 a un prezzo privilegiato.