ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Preoccupazione in casa Toyota: bilanci in rosso

Lettura in corso:

Preoccupazione in casa Toyota: bilanci in rosso

Dimensioni di testo Aa Aa

La crisi non ha risparmiato il colosso giapponese dell’auto Toyota. Per la prima volta, in 71 anni, la casa automobilistica, che si contende con General Motors il primato sul mercato mondiale, potrebbe chiudere in rosso il bilancio di esercizio. Il crollo è dovuto al calo della domanda che aveva già portato al ribasso le previsioni degli utili, scesi di ben il 91%. “Il mondo in un anno si è trasformato, è la crisi peggiore dell’ultimo secolo, l’impatto è più profondo del previsto” ha commentato il presidente di Toyota Katsuaki Watanabe.

La società ha inoltre ridotto la sua previsione di vendite di quasi un milione di veicoli, rispetto alla stima di novembre, soprattutto in Europa e Stati Uniti. Il governo giapponese sta cercando di attuare degli interventi utili a dare fiato all’economia nazionale, come il recente taglio dei tassi di interesse, arrivati allo 0,10%, portati a un livello così basso da lasciare poche possibilità di ulteriori manovre. “Penso che la crisi mondiale stia imprimendo un nuovo ordine all’economia globale – spiega il primo ministro giapponese Taro Aso – e il Giappone ha un ruolo importante per la ripresa” Sui numeri di Toyota pesa la congiuntura negativa del paese dove per il prossimo biennio è attesa crescita zero. A impensierire contribuiscono le forti quotazioni dello yen sul dollaro, all’origine dell’ulteriore contrazione delle esportazioni verso gli Stati Uniti, principale mercato di vendite per Toyota.