ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scandalo Fortis, governo belga appeso a un filo

Lettura in corso:

Scandalo Fortis, governo belga appeso a un filo

Dimensioni di testo Aa Aa

Il destino del premier belga Yves Leterme continua a essere appeso a un filo per lo scandalo Fortis. Nonostante che la notte scorsa, al termine di un consiglio dei ministri, il suo governo abbia deciso di andare avanti, le richieste di dimissioni continuano a moltiplicarsi. E’ attesa per oggi la pubblicazione di un rapporto della Corte di Cassazione sul comportamento tenuto dall’esecutivo nella vicenda.

La stampa belga parla di caos totale e di destino segnato per il governo Leterme. Il premier è accusato di aver fatto pressioni sui giudici della Corte d’appello di Bruxelles affinché venisse dato il via libera alla vendita della banca Fortis, investita dalla crisi finanziaria, ai francesi di BNP Paribas. Ma i magistrati hanno deciso diversamente, congelando la cessione una settimana fa. Circa 3 mila piccoli azionisti di Fortis si sono riuniti stamani in un’assemblea straordinaria per trovare una linea d’azione comune. Sono loro che avevano chiesto alla magistratura di congelare la vendita dell’istituto di credito.