ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuovo taglio dei tassi di interesse in Giappone

Lettura in corso:

Nuovo taglio dei tassi di interesse in Giappone

Nuovo taglio dei tassi di interesse in Giappone
Dimensioni di testo Aa Aa

La minaccia per il Giappone torna ad essere la deflazione e la banca Centrale ha deciso un nuovo taglio del costo del denaro di 20 punti base. I tassi di interesse passano dallo 0,30% allo 0,10%. Si tratta della seconda manovra monetaria nel giro di tre mesi, l’ultima risale al 31 ottobre. “Pensiamo che questa politica espansiva potrà avere ripercussioni positive sul lungo termine. – spiega Masaaki Shirakawa, governatore della Banca del Giappone – ma questa prospettiva dipende dall’andamento dell’economia globale”.

La decisione del Giappone segue di pochi giorni quella della Federal Reserve che ha dato vita a una serie di tagli al costo del denaro, a livello mondiale. I paesi dove, invece, i tassi restano a due cifre sono il Sud Africa all’11,5%, la Russia al 13%, e il Brasile, quasi al 14%. Il ribasso generalizzato dei tassi di interesse, in questa fase di recessione, è finalizzato a stimolare la ripresa dell’economia reale, essendo lontano il rischio inflazione. La banca centrale americana in settimana è arrivata a collocare il costo del denaro in un intervallo record compreso tra zero e 0,25%. Più rigida, in tal senso, resta la politica della Banca Centrale Europea, tradizionalmente impegnata a tutelare i parametri di stabilità economica. E mentre gli analisti si attendono un nuovo ribasso dei tassi nella zona euro, il presidente della BCE Trichet lo vede più probabile per la prossima primavera.