ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Appalti, la giunta di Napoli nella bufera

Lettura in corso:

Appalti, la giunta di Napoli nella bufera

Dimensioni di testo Aa Aa

Corruzione in Italia. L’indagine sugli appalti ‘Global Service’ per i lavori pubblici getta nella bufera la giunta di Napoli.

Implicati nello scandalo due assessori del Partito Democratico. Ma l’indagine tocca anche gli onorevoli Renzo Lusetti del Pd e Italo Bocchino di Alleanza Nazionale. Già in carcere l’imprenditore Afredo Romeo, l’uomo che curava il patrimonio immobiliare napoletano. Per altre 12 persone sono scattati i domiciliari. Tutti i sospetti implicati nell’indagine sono accusati di associazione per delinquere finalizzata alla turbativa degli appalti, abuso d’ufficio, corruzione. Il Sindaco di Napoli: “Le decisioni della magistratura riguardano due assessori, Di Mezza e Laudadio, che io devo immediatamente sospendere cosa che farò nel giro di 20 minuti”. Coinvolto anche l’ex assessore Giorgio Nugnes, che si è suicidato a fine novembre. Le sue deleghe erano già state ritirate in ottobre dopo il coinvolgimento nell’inchiesta sui disordini alla discarica di Pianura. La delibera ‘Global Service’ approvata dal Comune ma mai partita, riguardava gli appalti per la manutenzione delle strade e del patrimonio pubblico partenopeo: un giro d’affari da 400 milioni di euro.