ULTIM'ORA

Lettura in corso:

I magazzini britannici Woolworths svendono tutto, fallimento inevitabile


mondo

I magazzini britannici Woolworths svendono tutto, fallimento inevitabile

Sconti oltre il 50% da Woolworths, simbolo dei grandi magazzini britannici. Ma non sono i saldi di Natale, bensì quelli della prossima cessata attività per fallimento.

Un secolo di storia, oltre 25.000 dipendenti, 800 e più punti vendita. La fine di ‘Woolies’, come tutti lo chiamano, è per molti cittadini del Regno un capitolo di vita che si chiude:

“C‘è una gran confusione dentro. Non ci si muove. Non l’avevo mai visto così pieno. Credo che ci sentiamo tutti un po’ tristi che Woolworths chiuda. E’ un’istituzione. Cosa sarà la vita senza Woolworts…Triste”.

Secondo Tim Danaher, esperto del settore, il modello Woolworths non è stato in grado di adattarsi all’evoluzione del mercato:

“I tempi sono cambiati, la fedeltà ‘sentimentale’ degli acquirenti è cambiata. Oggi i consumatori vanno dove ci sono i prezzi più vantaggiosi, i prodotti migliori, il servizio, l’atmosfera migliori. Non è il caso di Woolworths”.

Con un debito dal 385 miliardi di sterline – oltre 550 miliardi di euro – il ricorso all’amministrazione controllata è stato inevitabile lo scorso venti sette novembre. ‘Se cerchi qualcosa, da Woolworths lo troverai’: di questa certezza oramai non restano che gli scampoli.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Ancora scontri ad Atene, un poliziotto ferito