ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al Qaeda in Belgio: altri particolari

Lettura in corso:

Al Qaeda in Belgio: altri particolari

Dimensioni di testo Aa Aa

L’unica certezza è che l’attentato doveve avvenire. Non si sa dove e quando. Ma con il summit europeo a Bruxelles si è preferito non rischiare. Tra i 14 sospetti terroristi di Al Qaeda arrestati in Belgio , c‘è anche l’esecutore materiale.

Johan Delmulle, pubblico ministero:

“Secondo le informazioni in nostro possesso l’interessato era stato autorizzato all’operazione. Sapeva che non sarebbe piu’ tornato, aveva già detto addio ai familiari, voleva andare in paradiso con la coscienza a posto”

Si tratta dell’inchiesta sul terrorismo piu’ importante mai condotta in Belgio. Duecentoquarantadue poliziotti coinvolti. Indagini nella capitale e a Liegi, nell’est del paese.

“Abbiamo dovuto prendere la situazione sul serio- ha detto Yves Leterme, primo ministro belga- Siamo intervenuti immediatamente e questo mostra come certe misure di sicurezza siano necessarie”

Tra le persone finite in manette anche una donna, Malika El Aroud, il cui primo marito assassinò nel 2001 il generale Massud, capo emblematico della resistenza afghana contro i Taleban