ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

2°referendum in Irlanda

Lettura in corso:

2°referendum in Irlanda

Dimensioni di testo Aa Aa

Fino a Bruxelles per dire no a un secondo referendum in Irlanda sul trattato di Lisbona. Il People’s moviment ha manifestato di fronte al palazzo del Consiglio europeo per chiedere di rispettare l’esito della consultazione tenuta a giugno in Irlanda. “Come gruppo d’opposizione, se vogliamo chiamarlo così, siamo più che mai determinati. Siamo meglio organizzati di quanto non lo fossimo l’ultima volta.Dobbiamo solo raccogliere un po’ più di fondi e la nostra battaglia avrà un esito ancora migliore rispetto a quello dell’ultima volta”.

Lo scorso 12 giugno gli irlandesi bocciarono il trattato, tra i principali motivi: la paura di un’ingerenza massiccia dell’Europa in questioni interne, come neutralità, autonomia fiscale e aborto. Il trattato in realtà vuole ammodernare l’architettura istituzionale europea, adeguandola a un’Unione allargata a 27 stati membri. Per entrare in vigore deve essere ratificato da tutti fli stati membri. Fatte salve le questioni interne, Dublino oggi chiede di conservare un commissario europeo in cambio di un secondo referendum che si terrà prima di novembre 2009. Una scadenza non casuale, a novembre 2009 scade ilmandato dell’attuale commissione. La successiva potrà essere nominata stando stando alle regole del trattato.