ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scelte economiche di lungo e breve periodo

Lettura in corso:

Scelte economiche di lungo e breve periodo

Dimensioni di testo Aa Aa

Salute economica nazionale ed europea non sono sempre parallele. Potrebbe essere questo l’esito del piccato confronto dialettico tra Germania e Gran Bretagna al Consiglio Europeo. “Sosterremo tutti gli sforzi necessari per rilanciare l’economia, condividiamo la crescita dell’1,5% per stimolare l’economia. – spiega il cancelliere Angela Merkel – Crediamo che ogni paese debba fare quello che ritiene giusto. In questo senso la Germania ha già fatto un importante passo. Siamo in linea con la Commissione. Quello che ci preoccupa è la tutela dei lavoratori”.

I tedeschi accusano Londra di seguire una politica troppo espansiva per coprire i danni cusati proprio dalla city finanziaria, soluzione che potrebbe compromettere gli equilibri economici nel lungo periodo. Berlino, invece, punta su misure più rigide, ma considerate durevoli nel tempo. La Germania è da sempre in prima linea per il rispetto del Patto di stabilità europeo e si è dichiarata contraria a una risoluzione della crisi attraverso misure che puntano a stimolare la domanda. Il rischio sarebbe di alimentare un crescente debito, destinato ad accumulare squilibri che finirebbero con il pesare, nel lungo periodo, sui cittadini e sulle generazioni future.