ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Polemica su un documentario che mostra il suicidio assistito

Lettura in corso:

Polemica su un documentario che mostra il suicidio assistito

Dimensioni di testo Aa Aa

Polemica in Gran Bretagna, sul documentario, andato in onda ieri, che mostra fino agli ultimi istanti un suicidio assistito.

Nel film si vede un paziente mentre viene aiutato a morire in una clinica di Zurigo. Era malato di una grave forma di sclerosi, che comporta una paralisi progressiva e dolorosa fino alla morte.

“La scelta per lui – spiega la moglie – era tra la morte e la morte aggravata da sofferenza. Doveva fare una scelta. Non avrebbe voluto morire, ma in questo caso la morte era la scelta logica” .

Il documentario è stato criticato da alcune organizzazioni in difesa della vita che lo considerano un macabro spettacolo, se non incitazione al suicidio.

“Nel dibattito sul suicidio assistito o l’eutanasia, – si difende il regista – credo sia importante poter essere testimoni dell’intero evento, nella sua completezza. Chi non vede la morte e il modo in cui una persona muore in Svizzera con il suicidio assistito, si chiede: quanto a lungo ha sofferto? Ha sofferto? E’ stato un momento di quiete e delicatezza o è stato violento e traumatico?”

Il protagonista del documentario, Craig Ewert, aveva 59 anni ed era un professore universitario.

In Gran Bretagna l’eutanasia non è legale. Ma appena due giorni fa la giustizia ha deciso di non processare i genitori di un giovane, che hanno accompagnato il figlio a morire in Svizzera.