ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Confermato lo sciopero generale. In Grecia la crisi diventa politica

Lettura in corso:

Confermato lo sciopero generale. In Grecia la crisi diventa politica

Dimensioni di testo Aa Aa

L’opposizione chiede le dimissioni dell’esecutivo e nuove elezioni. Per il leader socialista Georges Papandreou il governo Karamanlis è di fatto sfiduciato: “Il nostro Paese non ha più un governo in grado di proteggere i suoi cittadini. Questo governo non è in grado di gestire la crisi. Ha perso la fiducia della gente”.

Il governo di destra è stato rieletto in settembre 2007. Il Primo ministro Karamanlis negli ultimi giorni ha assunto una posizione di intransigenza, condannando le violenze e i disordini e accusando gli autori di essere nemici della democrazia. Da parte sua il Presidente Carolos Papoulias ha duramente condannato l’assassinio di Alexis, definendolo “una ferita profonda per la democrazia”.

“In momenti cruciali come questi” ha detto Karamanlis “il mondo politico deve condannare in maniera unanime e categorica, deve isolare gli autori di atti come quelli di cui siamo testimoni negli ultimi giorni. E’ un dovere per quanti credono nella democrazia”.

A Paleo Faliro, quartiere periferico di Atene vicino al porto del Pireo, si sono svolti i funerali di Alexis Grigoropulos, 15 anni. C’erano oltre 2000 persone, in gran parte studenti. Come promesso dalle autorità, durante la cerimonia le forze dell’ordine non sono comparse.