ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cowen in Europa per ricucire strappi sul "no" irlandese al Trattato di Lisbona

Lettura in corso:

Cowen in Europa per ricucire strappi sul "no" irlandese al Trattato di Lisbona

Dimensioni di testo Aa Aa

Un tour nelle capitali europee per placare la crisi scatenata dal “no” al Trattato di Lisbona. A una settimana dal vertice di Bruxelles, il premier irlandese Brian Cowen cerca una via d’uscita all’impasse creata dal rifiuto dei suoi cittadini del Trattato di riforma europeo.

A Berlino, il Taoiseach, si è rivolto al Cancelliere Angela Merkel nel corso di una conferenza stampa congiunta: “Spiegherò la nostra posizione al Cancelliere, ascolterò con molta attenzione il suo punto di vista – ha detto Cowen. Conosco la sua eccellente abilità nel risolvere difficoltà di questa natura”.

Il trattato di Lisbona non può entrare in vigore senza l’approvazione di tutti gli Stati membri. L’Irlanda ha detto “no” con un referendum il 12 giugno. Una via d’uscita sarebbe quella di indire un secondo referendum l’autunno prossimo, ma solo a patto che vi sia l’impegno comune di garantire le specificità irlandesi, a partire da neutralità militare, divieto di aborto, bassa tassazione.

Oggi Cowen incontra il premier britannico Gordon Brown. Domani, invece, sarà la volta di Nicolas Sarkozy, Presidente di turno dei Ventisette.