ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le Banche Centrali d'Europa tagliano il costo del denaro

Lettura in corso:

Le Banche Centrali d'Europa tagliano il costo del denaro

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Europa sceglie una politica monetaria espansiva per fronteggiare la recessione. Gli istituti centrali hanno abbassato i tassi di interesse, riducendo il costo del denaro. La banca centrale europea ha tagliato i tassi di tre quarti di punto, portando il costo della moneta unica dal 3,25% al 2,5%. Un vero maxi taglio, dopo i ribassi di ottobre e novembre attuati per fronteggiare la crisi economica e ridare fiducia a mercati e consumatori.

Secondo le stime pubblicate da Eurostat il pil dell’area euro, nel terzo trimestre dell’annno, è sceso dello 0,2%, lo stesso valore si è registrato per l’intera area dei 27, si tratta della seconda contrazione consecutiva che conferma ufficialmente la fase recessiva. La Banca d’Inghilterra ha ridotto il costo della moneta nazionale di ben un punto, portando i tassi al 2%.

Misura analoga è stata attuata dalla Banca centrale di Svezia, che tagliato i tassi di interesse dell’1,75%, la riduzione più forte dal 1992.