ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Usa ufficialmente in recessione, Wall Street in picchiata


USA

Usa ufficialmente in recessione, Wall Street in picchiata

Wall Street reagisce crollando alla conferma della recessione negli Stati Uniti. L’indice Dow Jones ha chiuso con oltre il sette e mezzo per cento in negativo, il Nasdaq ha lasciato sul terreno quasi nove punti percentuali. Principale artefice del tonfo, il National Bureau of Economic Research. Secondo l’istituto di ricerca incaricato di misurare i cicli economici statunitensi, il Paese è in recessione da dicembre 2007. Annuncio accompagnato da altre statistiche poco rassicuranti.

Il Segretario al Tesoro Henry Paulson non ha escluso altre misure per rafforzare il sistema finanziario. “Stiamo lavorando per questa pesante crisi – ha detto. Stiamo facendo progressi, ma abbiamo di fronte a noi un cammino molto lungo. Sono però sicuro che stiamo utilizzando la strategia corretta per stabilizzare il sistema finanziario e sostenere il flusso di credito nella nostra economia”.

A crollare non è stata solo la prima piazza finanziaria internazionale, ma anche le Borse europee. I listini del Vecchio Continente hanno mandato in fumo complessivamente oltre trecento miliardi di euro.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Wall