ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

A Poznan, la conferenza ONU sul clima

Lettura in corso:

A Poznan, la conferenza ONU sul clima

Dimensioni di testo Aa Aa

A Poznan, in Polonia, alla conferenza dell’ONU sul clima fra le otre centottanta delegazioni presenti c‘è anche quella del WWF che, schiaccianoci alla mano, invita i governi a rompere il guscio, insomma andare finalmente al nocciolo del problema del riscaldamento terrestre. Kim Carstensen, del WWF: “Da questa conferenza vogliamo vedere uscire un testo completo, che sia base per un vero negoziato. Se continuiamo solo a discutere non arriveremo mai al fondo della questione. Questo è il messaggio del WWF.”

Quello polacco è un appuntamento interlocutorio, in vista del vertice di Copenhagen, che, nel 2009, disegnerà il dopo Kyoto. Trovare un accordo in un anno, in piena bufera finanziaria, non sarà cosa facile, ammette il premier polacco Donald Tusk: “Dovremo fare tutto il possibile affinché nessuna attività umana rompa la simbiosi con la natura. Adesso siamo tutti preoccupati dalla crisi finanziaria. Dovremmo invece tenere in mente che le crisi vanno e vengono mentre la cura per l’ambiente deve essere un valore costante per tutti noi”. Ma è proprio il paese di Tusk uno di quelli che frenano. La Polonia, insieme all’Italia, è molto critica sul progetto europeo di ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 20% entro il 2020. Senza una modifica di quel piano, che secondo il governo costerebbe troppo al contribuente, Roma potrebbe anche porre il veto.