ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Thailandia: aeroporti occupati, i manifestanti costringono al ritiro la polizia

Lettura in corso:

Thailandia: aeroporti occupati, i manifestanti costringono al ritiro la polizia

Dimensioni di testo Aa Aa

I manifestanti antigovernativi thailandesi, che da giorni occupano i due aeroporti di Bangkok, hanno costretto gli agenti delle unità antisommossa ad abbandonare l’assedio al principale scalo della
Thailandia.

I militari sono stati costretti a lasciare i loro mezzi sotto la pressione dei circa 2000 manifestanti e si sono poi ritirati.

Il governo, pur dichiarando di voler proseguire sulla strada del negoziato con gli oppositori, ha decretato giovedi lo stato d’emergenza nei due aeroporti, e ha dato alle forze di polizia l’ordine di sgomberare i manifestanti, anche con il sostegno dell’esercito.

I vertici delle forze armate si sono detti pero’ contrari all’uso della forza nei confronti dei manifestanti, paralizzando di fatto la situazione politica.

L’assedio ai due aeroporti di Bangkok sta causando perdite enormi all’economia thailandese. Nei giorni scorsi decine di migliaia di turisti sono rimasti bloccati nel Paese. Solo ieri sono ricominciate le partenze, organizzate dal governo in un piccolo scalo a 150 km dalla capitale.