ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I Paesi produttori prevedono possibili tagli all'offerta petrolifera

Lettura in corso:

I Paesi produttori prevedono possibili tagli all'offerta petrolifera

Dimensioni di testo Aa Aa

Resta aperta per l’Opec la strada per nuovi tagli alla produzione di greggio.

Dalla riunione del cartello dei paesi produttori sabato al Cairo è arrivato l’annuncio di un possibile intervento sull’offerta petrolifera, che prenderà però forma soltanto in occasione del prossimo vertice strordinario fissato per il 17 dicembre ad Orano, in Algeria, per meglio calibrarne la portata.

Ad analizzare la situazione con i giornalisti è stato il ministro delle risorse petrolifere del Qatar, Mohammed bin Dhael Hamli: “Stiamo assistendo ad una dilazione nell’avvio di numerosi investimenti, quindi nel medio periodo, anche una volta che che la produzione ripartirà, faremo i conti con una produzione a regimi ridotti vista l’attuale carenza di nuovi investimenti”.

Gli attuali 54 dollari ai quali è quotato un barile di greggio sui mercati statunitensi – a luglio il prezzo era quasi triplo – mettono in difficoltà innanzitutto i produttori marginali.
Il mercato chiede petrolio anche a loro. Per questo, secondo i ministri sauditi, bisogna riportare il prezzo del greggio ad almeno 75 dollari.