ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un videogioco sulla guerra russo-georgiana

Lettura in corso:

Un videogioco sulla guerra russo-georgiana

Dimensioni di testo Aa Aa

Sequel virtuale ad una guerra reale. In Russia sta per uscire un videogioco sulla guerra russo-georgiana. Questa volta la NATO scende in campo apertamente chiedendo alla Polonia di sostenere Tiblisi. L’Ucraina blocca la flotta russa in Crimea e Saakashvili ottiene anche l’appoggio di altri non specificati paesi occidentati per riprendere con le armi l’Abkhazia e l’Ossezia del sud. Mosca è dunque costretta a intervenire.

A chi grida allo scandalo per il tema scelto Alexander Dmitrevsky, il creatore del gioco, risponde:

“Francamente mi sembra una stupidaggine dire che un gioco possa riaccendere il conflitto. Sono le persone che fanno le guerre. Un videogioco va preso per quello che è: un passatempo su uno schermo”.

Questi passatempi sono l’ultima frontiera della propaganda nazionalista, un canale già ampiamente sfruttato da altri: dagli statunitensi agli iraniani.

Il gioco non menziona però le vittime reali, che non è stato ancora possibile quantificare in modo indipendente, senza contare gli sfollati che, secondo Amnesty international, allo stato attuale, sono ancora almeno 200mila.