ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Repubblica Democratica del Congo aspetta i rinforzi Onu

Lettura in corso:

La Repubblica Democratica del Congo aspetta i rinforzi Onu

Dimensioni di testo Aa Aa

Le organizzazioni umanitarie chiedono l’invio rapido dei tremila Caschi Blu supplementari promessi dall’Onu nella Repubblica Democratica del Congo. Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato l’incremento del contingente Monuc – già la più grande forza di mantenimento della pace al mondo – che conta attualmente su diciasettemila uomini in tutto il Paese. I rinforzi dovranno aiutare a ristabilire l’ordine nelle aree orientali, dove gli scontri tra i ribelli tutsi di Laurent Nkunda e l’esercito congolese continuano a mettere in fuga la popolazione.

Da Nairobi, in Kenya, i rappresentanti di Medici Senza Frontiere parlano di cifre drammatiche: “Al momento la situazione è estremamente seria nel Nord Kivu. L’intera parte orientale della Repubblica Democratica del Congo deve fare i conti con una crisi umanitaria, decine di migliaia – forse centinaia di migliaia di persone – si stanno spostando per sfuggire ai combattimenti”.

L’arrivo dei rinforzi potrebbe richiedere tempo, forse fino a due mesi. Alcune organizzazioni umanitarie, già critiche verso la Monuc, si chiedono cosa accadrà nel frattempo. Per questo cresce la pressione sull’Unione europea affinché invii una sua forza. Nessuna decisione, tuttavia, è maturata da parte della Francia, Presidente di turno dei Ventisette.