ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Clima: trattative in vista del vertice di dicembre

Lettura in corso:

Clima: trattative in vista del vertice di dicembre

Dimensioni di testo Aa Aa

Il pacchetto clima resta in testa all’agenda del vertice di fine anno dei 27.

L’ambizioso progetto elaborato dalla commissione per ridurre entro il 2020 le emissioni di gas tossici non registra l’unanimità in seno agli stati membri.

Per arrivare pronti all’appuntamento di dicembre, gli incontri al vertice si susseguono.
Lunedì iniziano tre giorni discussione che vedranno impegnati commissione, stati membri e parlamento.

Il ministro dell’ambiente francese,Jean-Louis Borloo:

“Ci troviamo di fronte a un dossier che a seconda della prospettiva può essere il frutto di un’angoscia, che chiamiamo CO2, oppure una nuova forma di sviluppo economico. Alla fine è un po’ entrambe le cose , il nostro problema è di fare in modo che sia piuttosto il secondo aspetto”.

L’ambascaitore italiano all’Unione europea
Ferdinando Nelli-Feroci:

“La Bei potrebbe mettere in atto un nuovo strumento per finanziare lo sviluppo delle tecnologie pulite, clean transportation facilities, alle quali l’industria automobilistica dovrà ricorrere al fine d’adattarsi alle norme che prevedono la riduzione di CO2”.

A frenare le ambizioni della Commissione i paesi dell’est, in cui la gran parte di elettricità è prodotta da centrali termiche a carbone. Per gudagnare il sì della Polonia, che rappresenta il fronte più duro dell’opposizione, la presidenza ha proposto di esentare temporaneamente Varsavia dal pagamento delle metà delle quote inquinanti.