ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sciopero massiccio degli insegnanti, manifestazioni in tutto il Paese

Lettura in corso:

Sciopero massiccio degli insegnanti, manifestazioni in tutto il Paese

Dimensioni di testo Aa Aa

Il mondo della scuola di nuovo in protesta in Francia. Un successo secondo i sindacati che parlano di un’adesione superiore al 50 per cento e di oltre 200.000 manifestanti tra docenti e studenti.

Questi contestano innanzitutto i tagli ai posti di lavoro – oltre 13.000 nel 2009 – in particolare quelli all’insegnamento per gli studenti in difficoltà. “Scioperiamo e protestiamo per chiedere la revoca del decreto del ministro dell’istruzione Xavier Darcos che prevede di tagliare due ore di insegnamento a settimana per le elementari e sbarazzarsi del sostegno agli studenti con bisogni particolari”, ha detto Claude Charnont, sindacalista.

Lo sciopero è stato anche un test per la legge sul servizio minimo scolastico: una misura contestata soprattutto dai comuni amministrati dalla sinistra, per la difficoltà a trovare rapidamente volontari e per i dubbi sulla sua capacità di garantire la sicurezza dei ragazzi.

“Avevamo messo in piedi un protocollo che ci permetteva di assicurare un buon livello di servizio minimo. Ma siamo di fronte a dei limiti, perché il nostro personale formato per badare ai ragazzi nelle scuole è in gran parte in sciopero”, ha affermato Anne Tervé, funzionario di un comune per il settore dell’istruzione.

La mobilitazione, che ha interessato soprattutto gli insegnati di scuole materne e elementari, è la quarta in due mesi. I sindacati hanno dato al ministro cinque giorni per aprire delle trattative. Altri scioperi sono previsti in altri settori nelle prossime settimane.