ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Contro l'obesità un frutto al giorno

Lettura in corso:

Contro l'obesità un frutto al giorno

Dimensioni di testo Aa Aa

Distribuire un frutto al giorno per bambino nelle scuole. È l’auspicio degli eurodeputati che vorrebbero destinare almeno 500 milioni di euro al programma europeo per sensibilizzare i giovanissimi I 90 milioni stanziati da Bruxelles per l’anno scolastico 2009-2010, secondo l’europarlamento, non sono sufficienti a cambiare le abitudini alimentari.

Jean-Paul Allonsius, membro dell’associazione balga pazienti obesi. “È questo che si deve fare: aiutare i nostri bambini a mangiare la frutta e la verdura. È molto importante, perché quello che i nostri bambini amano mangiare oggi, lo mangeranno anche domani”.

Nell’Unione europea, circa 22 milioni di bambini sono sovrappeso e più di cinque milioni sono obesi. In molti sostengono che l’obesità deve essere considerata una malattia cronica e che la persona obesa deve essere seguita da un medico, un dietologo, una persona che si occupi dell’attività fisica e uno psicologo. Solo il Portogallo ha riconosciuto l’obesità come una malattia cronica.

David Hasla, del britannico National Obesity Forum: “Si tratta di un primo passo, ma ne devono seguire mille altri. Non possiamo dire di aver curato l’obesità distribuendo la frutta a scuola. Una risposta singola non esiste. Esistono diverse risposte, l’attività fisica nei percorsi vita, l’attività fisica a scuola, le risposte mediche, l’industria alimentare ci sono tanti modi per combattere questo problema. Questa è una piccola risposta che è comunque la benvenuta”.

L’obesità è uno dei principali problemi di salute del 21 esimo secolo. Dopo gli anni Ottanta il numero degli obesi si è triplicato. Stando alle stime, il 7% della spesa europea per la sanità è destinata alal cura di malattie legate all’obesità.