ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Giocattoli sicuri: l'Ue collabora con la Cina

Lettura in corso:

Giocattoli sicuri: l'Ue collabora con la Cina

Dimensioni di testo Aa Aa

Giocattoli sicuri. Per uno standard di sicurezza comune lavorano Unione europea, Stati Uniti e Cina, le cui autorità garanti per i consumatori si sono riunite lunedì a Bruxelles. Il processo sarà lungo, ha confermato la commissaria europea per la protezione dei consumatori, Meglena Kuneva. Continuiamo a essere esigenti e a restare vigili, così anche le autorità cinesi, perché sul versante sicurezza gli standard non sono ancora rispettati.

L’85% dei giochi per bambini presenti sul mercato comune sono di origine cinese. Lo scorso anno la Mattel ritirò più di un milione di giocattoli fabbricati in un impianto in Cina perché vi era il rischio di una eccessiva quantità di piombo. Chuanzhong Wei il viceministro per la verifica della supervisione: “Per quanto riguarda la concezione, le aziende devono avere uno stretto rapporto con i costruttori, perché vengano rispettate le norme.” Secondo i dati del sistema rapido di allerta per i prodotti non alimentari, la maggior parte delle notifiche di merci pericolose nel 2008 riguardavano giocattoli. E il 56% dei prodotti pericolosi era made in China.