ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Primo sì della Duma al prolungamento del mandato presidenziale russo

Lettura in corso:

Primo sì della Duma al prolungamento del mandato presidenziale russo

Dimensioni di testo Aa Aa

Primo sì della Duma all’emendamento alla costituzione che potrebbe portare da 4 a 6 anni il mandato presidenziale in Russia.

Misura che rida forza alle congetture sulla volontà di Vladimir Putin di tornare al Cremlino dopo Dmitri Medvedev. Adozione a larga maggioranza in prima lettura. Critica, con frecciata polemica, la reazione dell’opposizione di Gennady Zyuganov, del partito comunista:

“Credo che, piuttosto che proporre questa legge, avrebbero fatto meglio a rinnovare la squadra che si occupa d’economia e finanze. L’attuale non è in grado di gestire la crisi e il peggio deve ancora venire, sarà l’anno prossimo”.

La misura, ufficialmente proposta dallo stesso Presidente Dmitri Medvedev, dovrà ora essere sottoposta ad altri due voti prima di diventare legge. In tal caso la modifica entrerebbe in vigore dal prossimo mandato, nel 2012.

“Vedremo cosa succederà” commenta una residente di Mosca. “Ma credo sia necessario per il nuovo Presidente di sentire che ha un potere adeguato per fare quel che bisogna fare”.

La misura votata dalla camera bassa prevede anche il prolungamento del mandato del parlamento, da 4 a 5 anni.