ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pecore sotto la Tour Eiffel: gli allevatori in piazza chiedono più aiuti

Lettura in corso:

Pecore sotto la Tour Eiffel: gli allevatori in piazza chiedono più aiuti

Dimensioni di testo Aa Aa

Da tutta Europa la protesta degli allevatori converge su Parigi. Un grande corteo che ha avuto il suo culmine sotto la Tour Eiffel ha unito i professionisti del settore. Solidali nella rivendicazione avanzata dagli allevatori ovini francesi che reputano insufficiente il piano di sostegno al comparto agricolo annunciato ieri dal ministro Michel Barnier.

“Oggi chiediamo un piano d’emergenza” dice il presidente della Cooperativa Francese degli allevatori ovini. “Vogliamo risposte chiare e definitive dal ministro dell’Agricoltura, quanto sono disposti a dare per salvare il comparto”.

Il piano Barnier prevede 50 milioni di euro per il settore ovino. Gli allevatori ne chiedono 160 fino al 2010, data della revisione della Politica Agricola Comune Europea.

“Siamo qui per solidarietà con i colleghi francesi” dice un allevatore britannico. “La crisi è europea. C‘è una totale mancanza di fiducia: i salari sono troppo bassi, le regole troppo rigide”.

“Crediamo si debba agire uniti” dice un rappresentante sindacale tedesco. “Siamo tutti sulla stessa barca e ci battiamo con i medesimi obiettivi”.

Gli allevatori a Parigi erano oltre 700 assieme alle pecore che hanno invaso le strade della capitale. Attualmente il salario medio di un allevatore ovino, in Francia, si aggira attorno ai 700 euro. Sono sempre di più quanti si arrendono – denuncia la categoria – e cercano di cambiare mestiere.