ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Croazia: ingresso nell'Ue più vicino

Lettura in corso:

Croazia: ingresso nell'Ue più vicino

Dimensioni di testo Aa Aa

L’ingresso della Croazia nell’Unione dei 27 si avvicina.

La commissione europea ha reso pubblico il rapporto annuale sullo stato delle trattative con i paesi che vorrebbero aderire al club comunitario.

Zagabria terminerà i negoziati entro l’anno prossimo, ma Bruxelles sollecita il rispetto di tutte le condizioni. Tra cui più efficacia nel combattere la criminalità organizzata e la corruzione.

Il commissario all’Allargamento Olli Rehn sulle previsioni 2009:

“Si tratta di un incoraggiamento ma non di un assegno in bianco. La palla è ora nel campo della Croazia. Che deve lavorare sodo per riformare il sistema giudiziario. Ma anche la ristrutturazione dei cantieri navali resta altra condizione e richiede sforzi sostanziali”.

Quanto alla possibile data d’ingresso della Croazia nell’Ue, il commissario ha osservato che in base alle attuali condizioni non è prevedibile che esso avvenga prima dell’entrata in vigore del trattato di Lisbona, stimata per l’inizio del 2010.

La Turchia, stando al rapporto, riveste un’importanza strategica per l’Unione, ma la politica nazionale nel 2008 è stata caratterizzata da forti tensioni, Bruxelles chiede maggiori sforzi per consolidare la democrazia e i diritti dell’uomo.

Contrariamente alle aspettative la Macedonia non otterrà il via libera per iniziare i negoziati d’adesione. Bruxelles punta il dito contro il sistema elettorale ancora troppo debole.

Solo nel 2009, la Serbia potrà accedere allo status di paese candidato, ma dovrà assicurare piena cooperazione con il Tribunale penale internazionale.