ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Forza Onu al limite delle capacità, popolazione ancora in fuga

Lettura in corso:

Forza Onu al limite delle capacità, popolazione ancora in fuga

Dimensioni di testo Aa Aa

Nella Repubblica democratica del Congo, malgrado il rispetto del cessate il fuoco, la situazione resta grave, “catastrofica” secondo la Croce Rossa.

Negli ultimi giorni 45.000 persone sono fuggite da Goma di fronte all’avanzata dei ribelli tutsi di Laurent Kunda. Molti che si erano rifugiati nella città tornano nei propri villaggi: “Abbiamo lasciato il posto in cui ci eravamo rifugiati perché mancano cibo e acqua. Abbiamo dormito all’aperto. Le donne partoriscono senza assistenza. Perciò torniamo indietro”, ha detto uno di loro.

L’Alto commissariato Onu per i rifugiati ha accusato l’esercito congolese di saccheggi, stupri, e uccisioni di civili nel capoluogo del Nord Kivu.

I 17.000 caschi blu, unica forza rimasta nella città dopo la fuga delle truppe governative, sono al limite delle loro capacità secondo un portavoce dell’Onu. Rinforzi dovrebbero arrivare da altre regioni.

Da agosto le violenze sono riprese nel Nord Kivu, culla delle ribellioni che hanno trascinato l’ex Zaire in due guerre, l’ultima finita nel 2003. L’Unione Europea esamina la possibilità dell’invio di una missione militare. Il ministro degli Esteri francese Bernard Kouchner è favorevole a un contingente con ruolo umanitario. Intanto l’Unicef avverte che c‘è il rischio di un’epidemia di colera e di morbillo tra i rifugiati alle porte di Goma.