ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I ribelli avanzano nella Repubblica Democratica del Congo. Rischio umanitario per migliaia di profughi

Lettura in corso:

I ribelli avanzano nella Repubblica Democratica del Congo. Rischio umanitario per migliaia di profughi

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha condannato l’avanzata delle forze ribelli nella Repubblica Democratica del Congo, ed ha espresso la propria preoccupazione per la tensione che si registra al confine con Ruanda.

Sul terreno, dal 1998 al 2003 teatro del sanguinoso scontro tra hutu e tutsi, è operativa una missione di 17.000 caschi blu.

“La popolazione ha paura”; spiega un ufficiale, “soprattutto se i ribelli dovessero prendere Goma, ma questo è fuori discussione”.

Le azioni dei ribelli sono state condotte nella provincia del Nord Kivu. Secondo il loro leader, Laurent Nkunda, che ha proclamato un cessate il fuoco, la capitale regionale Goma sarebbe ormai sotto controllo. Nkunda ha poi aggiunto di voler cooperare con i caschi blu per mettere in sicurezza la città e garantire la calma.

Si teme una catastrofe umanitaria. Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki Moon, ha inviato due suoi delegati per verificare, tra l’altro, le condizioni degli oltre 45 mila civili – ma secondo altre fonti sarebbero 200.000 – che sono in fuga da Goma.

Inoltre, in sole 24 ore, più di un migliaio di congolesi ha lasciato il paese raggiungendo la vicina Uganda, ed altre migliaia stanno ancora tentando di mettersi in salvo varcando la frontiera.