ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Congo, il caos rischia di prendere il sopravvento nell'est del Paese

Lettura in corso:

Congo, il caos rischia di prendere il sopravvento nell'est del Paese

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli uffici dell’Onu, nella città di Goma, sono stati circondati da manifestanti che accusano le Nazioni Unite di non proteggere i civili dalle forze ribelli tutsi, che impreversano e stanno avanzando verso Goma.

A Ginevra, sede dell’agenzia Onu per i rifugiati, c‘è preoccupazione: almeno 50 operatori umanitari stanno lasciando la zona del Congo, dove la sicurezza non è piu’ garantita.

“Ci sono da 800 mila a 1 milione di persone sfollate nella regione”, dice Ron Redmond, dell’agenzia Onu. “Una grande parte della popolazione ha bisogno di aiuto: è difficile lavorare in questa situazione. Quelli che sono stati costretti a lasciare le loro case devono venire da noi, perché noi non possiamo mandare delle nostre squadre nelle campagne, dove sono in corso gli scontri ed è anarchia”.

Circa 30 mila profughi ulteriori si stanno avvicinando a Goma, sospinti dagli scontri che impazzano nella regione.

Un’emorragia cominciata il 28 agosto, alla ripresa dei combattimenti tra tutsi ed esercito governativo.

E ieri sono arrivate le dimissioni del capo dei caschi blu in Congo, il genersale spagnolo Vincente
Diaz de Villegas: lascia dopo un mese, ufficialmente per motivi personali.