ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Premio Sakarov 2008 a dissidente cinese

Lettura in corso:

Premio Sakarov 2008 a dissidente cinese

Dimensioni di testo Aa Aa

Le proteste cinesi non hanno potuto nulla contro l’assegnazione del premio Sakarov 2008 al dissidente cinese Hu Jia, dall’aprile scorso in carcere per “incitamento alla sovversione contro il potere dello stato”.

Le autorità cinesi hanno cercato di boicottare il proprio connazionale, ma l’assemblea di Strasburgo non si è lasciata intimorire e ha assegnato comunque a Hu Jia il premio per la libertà di espressione.

Il presidente dell’euroassemblea Hans-Gert Pöttering: “Il tre aprile scorso, è stato condannato a tre anni di prigione. Nella solitudine della sua cella , combatte contro la malattia. Soffre di cirrosi epatica, ma le autorità rifiutano di prestargli le dovute cure”.

La reazione cinese non si è fatta attendere. Il portavoce del ministro degli Esteri: “Esprimiamo il nostro profondo disappunto per la decisione del parlamento europeo di insignire del premio un detenuto cinese, non tenendo conto delle nostre dimostrazioni contrarie”.

Il sovversivo Hu Jia aveva denunciato lo scandalo dell’Henan, la provincia nella quale alla fine degli anni 90 migliaia di contadini hanno contratto l’Aids attraverso trasfusioni di sangue infetto. Ma non è tutto ha creato insieme alla moglie un blog per denunciare la mancanza di democrazia e di libertà in Cina, realizzando peraltro un film nel quale documenta la presenza costante della polizia nella sua vita e in quella della sua famiglia.