ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Balzo della disoccupazione nel Regno Unito, posti di lavoro a rischio anche a New York

Lettura in corso:

Balzo della disoccupazione nel Regno Unito, posti di lavoro a rischio anche a New York

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ un brutto momento per il mercato del lavoro a causa della crisi finanziaria. E il brutto momento si fa sentire soprattutto nel Regno Unito. Il numero dei disoccupati è salito a 1,8 milioni. E secondo l’ufficio statistico nazionale arriverà a due milioni a Natale e supererà i tre milioni nel 2010.

“Ho cercato in diversi posti ma senza trovare – dice Max Davies, muratore – . Credo che tanti siano nella mia stessa situazione, lavoratori e muratori come me che stanno faticando perché non c‘è lavoro e c‘è tanta gente che lo cerca”.

Il tasso di disoccupazione nel trimestre tra giugno e agosto di quest’anno è salito al 5,7%. Nei due trimestri precedenti era al 5,2. Aumentano anche le richieste per il sussidio di disoccupazione, che a settembre sono salite a oltre 939mila, ai massimi da quasi due anni.

Sale la disoccupazione e calano gli occupati. Tra giugno e agosto sono stati persi 122mila posti di lavoro, il calo maggiore dal 1993. La finanza e le costruzioni sono i settori più colpiti, vista la crisi delle banche e il crollo del mercato immobiliare.

La crisi e la recessione alle porte si fanno sentire anche a New York. Secondo le previsioni dell’amministrazione locale, potrebbero essere 165mila le persone che perderanno presto il posto di lavoro, 35mila soltanto nel distretto finanziario. Si tratta di una stima doppia rispetto a quella fatta in luglio.