ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La paura della recessione affonda i mercati europei

Lettura in corso:

La paura della recessione affonda i mercati europei

Dimensioni di testo Aa Aa

Borse europee di nuovo a picco. Dopo due giorni di rimbalzo che li aveva risollevati dalla tempesta precedente, i mercati sono adesso in preda alla paura della recessione.
Si vende perché si teme che la contrazione dell’economia si ripercuoterà sui guadagni delle imprese.

La terza seduta della settimana finisce con un tonfo dei listini europei di oltre il 6,5%.
Londra chiude a meno 7,16%, Francoforte a meno 6,49%, Milano a meno 5,3%. Tra i titoli peggiori, anche a causa del calo del prezzo del petrolio, gli energetici Eni ed Enel.

“Vorrei vedere i soldi dei governi sul tavolo – dice un analista britannico – . Vorrei vedere che finiscono nelle banche europee ed americane. Adesso si sta ancora negoziando, stabilendo i dettagli. Ma oltre a parlare bisogna agire. Altrimenti nessuno si rimetterà a concedere prestiti”.

In pratica, fino a quando i piani salva-banche non saranno operativi, il mercato del credito difficilmente si rimetterà in moto. Ma il problema è anche un altro. Gli investitori temono che la cura per uscire dalla crisi finanziaria non basterà a sostenere la crescita economica.