ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Barroso: l'Unione rafforzi la cooperazione contro la crisi

Lettura in corso:

Barroso: l'Unione rafforzi la cooperazione contro la crisi

Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo il G4 della settimana scorsa e la riunione straordinaria dell’Eurogruppo di domenica, tocca ora ai Ventisette rafforzare la cooperazione per contrastare la crisi finanziaria.

In attesa del Consiglio europeo, che si riunisce mercoledì, gli analisti promuovono le iniziative dei governi e delle banche centrali: “Penso che i mercati stiano dimostrando che i problemi legati a un crollo della fiducia possono essere risolti quando i governi fanno fronte comune, come è successo… la risposta sulle piazze finanziarie è stata positiva e questo non mi sorprende, anzi riconosco che i governi hanno svolto una meritevole opera di rassicurazione. Ora, naturalmente, si tratta di passare dalle parole ai fatti”.

Mentre un numero crescente di paesi si scopre a rischio recessione, uno spettro che fino a qualche mese fa nessuno osava evocare apertamente, il sistema finanziario nel suo complesso cerca un nuovo assetto.

“Direi che non possiamo aspettarci un ritorno all’epoca del credito facile che ha preceduto questa crisi. Ma adesso come adesso sarebbe difficile valutare come e quanto quello che è successo sui mercati abbia influito sull’economia reale”.

Il presidente della Commissione europea, Jose Manuel Barroso, non si nasconde le difficoltà che restano sul terreno: “Quello che abbiamo creato è un piano comune per un risanamento finanziario e per avere in futuro un sistema più stabile. Ma per dirla chiaramente, il lavoro non è finito. Vediamo una luce in fondo al tunnel, ma ancora non ne siamo fuori”.

Barroso si è detto fiducioso che al Consiglio europeo i Ventisette raggiungano una posizione comune, facendo prevalere il senso di responsabilità sugli interessi di parte.