ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le attività chiave di Fortis passano allo Stato olandese

Lettura in corso:

Le attività chiave di Fortis passano allo Stato olandese

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Olanda nazionalizza le attività di Fortis. Termina così la parabola discendente del gruppo bancario belga-olandese, primo istituto della zona euro vittima della crisi dei mercati mondiali. Ad una settimana dal salvataggio tentato dai governi di Belgio, Olanda e Lussemburgo interventui con oltre 11 miliardi di euro nel capitale di Fortis, l’annuncio del Primo ministro belga Yves Leterme:

“La transazione sulla quale abbiamo trovato un accordo equivale a 16,8 miliardi di euro e naturalmente questo montante è pensato per preservare a lungo termine la stabilità delle solvenze del gruppo Fortis”.

Fra le attività che passeranno sotto il controllo olandese è prevista anche la quota di Abn Amro, banca con sede ad Amsterdam che Fortis aveva acquistato l’anno scorso, in cosorzio con la Royal Bank of Scotland e il Banco Santander.

Mentre il gruppo viene di fatto smantellato, si prepara per oggi a Parigi il vertice straordinario dei 4 Paesi europei che fanno parte del G8: oltre all’ospite, il Presidente francese Nicolas Sarkozy, discuteranno su come affrontare la crisi il Premier Silvio Berlusconi, il Cancelliere tedesco Angela Merkel e il Primo ministro britannico Gordon Brown.