ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

G4: l'Europa c'è, ora bisogna rifondare il sistema

Lettura in corso:

G4: l'Europa c'è, ora bisogna rifondare il sistema

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Europa è al lavoro per assicurare stabilità e fiducia. È il messaggio uscito al termine del cosiddetto G4, il minivertice convocato a Parigi da Nicolas Sarkozy nella sua veste di presidente di turno dell’Unione europea, con l’obiettivo di trovare una posizione comune sulla crisi finanziaria internazionale.

E l’unità d’intenti secondo Sarkozy è stata raggiunta: “Di fronte a una crisi mondiale l’Europa esiste e presenta una risposta. Quello che è davvero importante è che riusciamo a reagire di fronte all’emergenza, ed è quello che stiamo facendo. E che ci impegniamo tutti insieme per chiedere l’organizzazione di un vertice perché domani le stesse cause non producano gli stessi effetti. Deve trattarsi di una vera rifondazione”.

L’obiettivo sarebbe quello di una nuova Bretton Woods, una ristrutturazione globale del sistema capitalistico.
Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha insistito sulla necessità che ogni stato europeo si prenda le sue responsabilità, senza danneggiare gli interessi degli altri stati europei.
Il premier britannico Gordon Brown ha tenuto a rassicurare soprattutto le famiglie e gli imprenditori: il messaggio, ha detto, è che, come sta già avvenendo da parte delle Banche Centrali, la liquidità sarà assicurata per preservare la fiducia e la stabilità.

Il presidente dell’Eurogruppo Jean-Claude Juncker ha invece insistito sul patto di stabilità, che deve essere rispettato “nella sua interezza”.
Ora la palla passa alle istituzioni europee. La Commissione si riunirà già da lunedì.