ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

il Cremlino assicura il ritiro delle truppe entro il 10 ottobre

Lettura in corso:

il Cremlino assicura il ritiro delle truppe entro il 10 ottobre

Dimensioni di testo Aa Aa

Ha iniziato a lavorare sul campo la missione di osservazione dell’Unione Europea in Georgia.

Il compito principale degli operatori, in questa fase, sarà controllare il ritiro dei soldati russi, nelle cosiddette zone cuscinetto attorno ai confini di Ossezia del sud e Abkhazia.

L’accordo, stipulato da Mosca con il presidente Sarkozy, per l’Unione Europea, prevede il ritiro graduale delle forze russe entro il 10 ottobre.

La missione ieri ha raggiunto alcuni villaggi vicino Gori, il principale teatro del conflitto tra Mosca e Tiblisi, ad agosto, e Zugdidi, ai confini con l’Abkhazia, l’altra regione secessionista assieme all’Ossezia del sud.

Il presidente russo Dmitri Medvedev ha assicurato che Mosca resterà ai patti: “I nostri peacekeeper hanno iniziato a collaborare con gli osservatori dell’Unione Europea e alla data concordata si ritireranno completamente dal territorio georgiano. La Russia rispetterà tutti gli accordi.”

Nella regione resta però completamente irrisolta la presenza russa all’interno delle repubbliche di Ossezia del sud e Abkazia, di cui uil Cremlino ha riconosciuto l’indipendenza.

L’Unione Europea, che conta in un ritiro a tappe, prevede di discuterne con Mosca il prossimo 10 ottobre all’incontro di Budapest.